SINGLE-PUBBLICAZIONE

Special Covid-19 Series, Issue #46

Autore : Action Institute

Data: 27-09-2021

Tipo: Altro

Tematica: Action Institute

Hello, Action Institute Community!

While the COVID-19 pandemic is hurting the global economy, we at Action Institute aim at delivering a whole-rounded perspective, cutting through the noise.
Our weekly Special series approaches the effects of the virus from different perspectives: from medical facts to health policy, from economic policy to macroeconomic issues, from politics to financial markets, from technology to the impact on businesses, and more. We encourage our esteemed readers to provide us with feedback and suggestions.

This weekly issue proposes a selection of papers and articles focused on (i) Medical Facts and (ii) Financial Markets.

 

 

 

MEDICAL FACTS
“Medicine is a science of uncertainty and an art of probability.”, William Osler

 

 

 “Mask mandates save lives” (Vox.eu, Niels-Jakob Hansen, Rui C. Mano, September 2nd, 2021). La rubrica discute l’efficacia dell’obbligo di mascherine a livello statale nel ridurre i casi di COVID-19, i ricoveri in ospedale ed i decessi negli USA. I risultati mostrano che, grazie ai dispositivi di protezione personale, questi sono diminuiti, rispettivamente, di un terzo, metà ed un quarto per 100.000 abitanti. Tuttavia, questo impatto varia leggermente rispetto all’atteggiamento locale verso l’uso delle mascherine, oscillando tra -2,5 e 0 in un campione di contee. Nel complesso, le mascherine hanno salvato 87.000 vite fino al 19 dicembre 2020, mentre altre 58.000 vite avrebbero potuto essere salvate nello stesso periodo se l’obbligo fosse stato introdotto a partire da aprile 2020.

 “Non Communicable Diseases kill slowly in normal times and quickly in COVID-19 times” (CFR, Serena Tohme and Samantha Kiernen, September 10th, 2021). Le “noncommunicable diseases” sono state una delle principali cause dell’enorme numero di morti per COVID-19, in particolare negli Stati Uniti, in Europa ed in America Latina. La necessità di rispondere a questa pandemia e le sue conseguenze economiche hanno spostato gli aiuti internazionali e la spesa sanitaria interna dalle NCDs. Contemporaneamente, la pandemia ha interrotto la prevenzione delle NCDs e i servizi correlati a livello globale, che hanno avuto un impatto sul futuro onere sanitario di sviluppare NCDs prematuramente. Questi gruppi di malattie croniche, in particolare l’obesità, hanno anche portato in alcuni paesi a più alti tassi di morte pro-capite da COVID-19.

 “CDC study finds Moderna vaccine is best at preventing Covid-19 hospitalization” (Politico, Erin Banco, September 17th, 2021). Secondo uno studio pubblicato dal Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, il vaccino COVID-19 di Moderna è il più efficace a proteggere contro le ospedalizzazioni da COVID-19. Un’analisi di più di 3600 adulti ospedalizzati in 21 strutture USA da marzo ad agosto ha trovato che l’efficacia del vaccino contro l’ospedalizzazione era del 93% per il vaccino Moderna in confronto al 88% dell’iniezione di Pfizer-BioNTech. Lo studio ha escluso le persone immunocompromesse.

 

 

 

FINANCIAL MARKETS
“Markets are moved by animal spirits, and not by reason.”, John Maynard Keynes

 

 

 “Basel III Finalisation” (CEPS, Willem Pieter De Groen, Cinzia Alcidi, Apostolos Thomadakis, July 1st). Questo studio fornisce una stima dell’impatto delle ultime riforme di Basilea III sulle banche europee. Le riforme considerate si concentrano sulla calibrazione delle attività ponderate per il rischio (RWA), il denominatore dei coefficienti patrimoniali. L’analisi si basa sullo studio di impatto dell’Autorità Bancaria Europea e sui dati individuali di 135 banche europee, rappresentanti oltre il 70% delle attività bancarie dell’UE. Lo studio rileva che l’ammanco potrebbe variare da 0 a 549 miliardi di euro (dallo 0% al 4,8% delle RWA), a seconda di come verranno attuate le riforme. La maggior parte di queste carenze sarebbe sostenuta da banche attive nei Paesi del Nord Europa e da banche al dettaglio e d’investimento.

 “The credit line channel” (Vox.eu, Daniel Greenwald, John Krainer, Pascal Paul, July 29th, 2021). Il prestito totale delle banche USA alle imprese tende ad aumentare al verificarsi di shock macroeconomici negativi, come la pandemia di COVID-19 o l’irrigidimento di una politica monetaria. Basato sui dati dettagliati dell’autorità di vigilanza a livello di prestiti, questo articolo mostra che queste reazioni sono quasi interamente spiegate dalle grandi imprese che attingono alle loro linee di credito. Comunque, la stabilità dei finanziamenti per le grandi imprese potrebbe implicare  che quelle più piccole affrontano condizioni per il prestito più stringenti. Gli autori mostrano che un tale effetto sfollamento era in atto durante la crisi da COVID-19 e indaga le implicazioni di tali ricadute all’interno di un modello strutturale.

 “New options to improve the global financial safety net” (Chatham House, Professor Catherine Schenk, August 4th, 2021). Il rafforzamento della rete di sicurezza finanziaria globale è stata una priorità a livello internazionale dopo la crisi finanziaria globale di dieci anni fa. Di fronte alla pandemia in corso, l’articolo analizza gli inconvenienti del sistema attuale, che fa perno su quattro elementi: il Fondo Monetario Internazionale (FMI), gli accordi finanziari regionali multilaterali (RFA), le riserve valutarie nazionali e gli swap bilaterali delle banche centrali. Questi vengono confrontati con una recente iniziativa della Banca d’Inghilterra e della Bank for International Settlements, che potrebbe aprire la strada a un sostegno puntuale dei mercati bancari internazionali, grazie alla capacità della BIS di intermediare tra i fornitori di valuta di riserva e le banche centrali di tutto il mondo.

 “Pfizer and Moderna investors brace for eventual drop in vaccine sales” (FT, Nikou Asgari, September 17th, 2021). Gli analisti prevedono che le entrate dai vaccini contro il Coronavirus diminuiranno precipitosamente entro il 2024. In particolare ci si aspetta che Pfizer, oggi con un valore di oltre 250 miliardi di dollari, non sarà più in grado di replicare le vendite di vaccini di quest’anno e dovrà affrontare un calo del prezzo delle azioni dopo il 2023, quando la maggior parte del mondo sviluppato avrà ricevuto la terzo dose. Per Moderna, l’imminente calo di entrate sarà ancora più pronunciato. Il suo vaccino contro il Coronavirus è l’unico farmaco approvato dell’azienda e se il suo programma pan-respiratorio non dovesse iniziare a rilasciare nuovi prodotti entro il 2024, il prezzo delle azioni diminuirà irreparabilmente.

Credito

Lasciate che vi ricordi che il credito è la linfa vitale dell’ economia, la linfa dei prezzi e del lavoro.

Herbert Hoover […]

Salute

La buona Salute è alla base dello sviluppo sociale ed economico e rafforza le politiche in tutti i settori dell’azione pubblica.

Organizzazione Mondiale della Sanità […]

Innovazione

L’innovazione è lo strumento specifico per l’impresa. Ciò che dà alle risorse una nuova capacità di creare ricchezza.

Peter Drucker […]

Capitale Umano

Il talento è una fonte da cui sgorga acqua sempre nuova. Ma questa fonte perde ogni valore se non se ne fa il giusto uso.

Ludwig Wittgenstein […]